Junior Cally

Junior Cally, rapper romano ventisettenne, esordisce ufficialmente a inizio 2017 pubblicando una serie di singoli su YouTube che attirano subito molte attenzioni. Il pubblico si incuriosisce e si appassiona sempre di più ai suoi video e alla musica: nell’epoca dei selfie e dei commenti scritti sui social vedere un artista che indossa una maschera antigas e ascoltare la sua voce mentre spara rime esplicite e taglienti che non risparmiano niente e nessuno, lascia il segno.

A fine anno l’artista pubblica “Magicabula”, il singolo della prima svolta: dopo aver collezionato milioni di play con i precedenti brani, questo, anche grazie a un ritornello che rimane in testa, li supera tutti fino a venire certificato disco d’oro dalla FIMI.

Sul suo conto continuano a circolare poche notizie ma una cosa è certa: il suo flow trasmette un’urgenza che non può appartenere a chi è cresciuto tra gli agi e ogni tipo di comodità. Cresciuto in periferia, prima di questa avventura artistica, infatti, Junior Cally ha dovuto cambiare casa varie volte e ha svolto vari lavori umili per mantenersi, sempre continuando a coltivare la passione per il rap, scoppiata nella prima adolescenza. La scelta di indossare la maschera è una provocazione ragionata: non mostrarsi nell’éra della celebrazione dell’ego e dell’immagine è un antidoto alla falsità, all’ipocrisia.

In questo quadro, la sua musica non si limita a trasmettere solo rabbia, disapprovazione e voglia di rivalsa, perché quando, nella prima metà del 2018, pubblica “Capelli rossi”, le atmosfere del pezzo e le rime - con la più significativa che recita "Siamo cattivi ma dal cuore grande..." – dicono che c’è spazio anche per i sentimenti. Proprio in questo periodo, Junior Cally inizia anche a lavorare al suo primo disco ufficiale che arriva a fine 2018, si intitola “Ci entro dentro”, esce per Sugar e lo consacra - complice la copertina - come “l’unico volto tra le maschere”. Nei 12 nuovi brani anticipati dal singolo “Bulldozer”, l’urgenza degli esordi rimane intatta mentre rime e ritornelli lasciano sempre di più il segno.

Leggi tutto > x Chiudi